Vibo Valentia | Cucina solidale, pasti caldi a famiglie in difficoltà e anziani soli – VIDEO


Con il taglio del nastro, la cucina solidale di San Gregorio d'Ippona ha ufficialmente aperto i battenti. Le volontarie, di fronte ai fornelli, si dedicano alla preparazione e distribuzione di 360 pasti settimanali, destinati alle famiglie in difficoltà e agli soli. Il menù inaugurale ha deliziato con piatti tipici della cucina calabrese, come fileja con fagioli, braciole e zeppole.

Advertisements

Il progetto, finanziato dall'Ats di Vibo e fortemente sostenuto dal sindaco Pasquale Farfaglia, mira a fornire pasti caldi alle persone bisognose. Cinque comuni sono coinvolti in questa lodevole iniziativa sociale, che ha ufficialmente preso il via oggi. All'inaugurazione hanno partecipato il sindaco Farfaglia, il vescovo Attilio Nostro, il consigliere regionale Michele Comito e l'assessore comunale di Michele Falduto. Erano presenti anche rappresentanti dei comuni del Vibonese che hanno aderito all'iniziativa (Vibo, Jonadi, Mileto e San Costantino Calabro), i volontari della Prociv guidati da Vincenzo Barbieri e la portavoce dell'amministrazione comunale di San Gregorio d'Ippona, Maria Grazia Pianura. Quest'ultima ha sottolineato: “Grazie a un protocollo d'intesa con l'Ufficio esecuzioni penali del tribunale di Vibo Valentia, all'interno della mensa solidale accogliamo anche imputati che godono della messa alla prova”. Quindi, oltre alla solidarietà, si promuove anche l'integrazione.

Nell'ex scuola elementare di via Sorbilli, nella frazione Zammarò, cinque volontarie si dedicano con impegno alla cucina, aprendola alle 6 del mattino per cucinare i fagioli e preparare le zeppole. Una delle volontarie ha condiviso il suo entusiasmo: “È bello potere contribuire ad aiutare chi ha più bisogno”.

Ads

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *